Meditando con Lao Tzu 1/8

Statue of Laozi in Quanzhou, China.

Non privilegiando i capaci si evita la competizione.

Non dando valore agli oggetti preziosi si evita il furto.

Non ostentando ciò che è desiderabile

si evita di confondere il cuore della gente.

Perciò nel governare il saggio svuota la mente e nutre il corpo,

indebolisce le ambizioni e rafforza le ossa.

Mantiene le persone innocenti e senza desideri e

fa sì che gli scaltri non osino imporsi.

Praticando il non agire, tutto si ordina da sé.

Iniziamo con questi versi del Tao Te Ching una nuova serie di benvenuti in paradiso: quella relativa al Tao. Esistono molte traduzioni e interpretazioni di questo antico libro scritto dal grande maestro Lao Tzu ; La tradizione racconta che Lao Tzu decise di allontanarsi dalla corte Zhou perché, stanco delle lotte e del Lao Tzu sul suo bufalodisordine, desiderava tranquillità. Partì con il suo bufalo ed arrivò al confine del suo stato dove venne fermato dal guardiano del valico, chiamato anche Yin del valico. Il guardiano riconobbe Lao Tzu e gli disse che non poteva andarsene prima di aver lasciato un segno tangibile della sua saggezza. Fu in questa occasione che Lao Tzu compose il Tao Te Ching. Finito di scrivere, Lao Tzu se ne andò e di lui non si seppe più niente.

TAO è l’assoluto, l’Immanifesto, TEH è la manifestazione del Tao nel mondo oggettivo, CHING significa semplicemente “classico” o canone.

Il Tao è il Supremo, l’Assoluto, il Tutto-Creativo, la Via, la Radice, la Sorgente. Il Tao è inesprimibile come riporta la prima riga del Tao Teh Ching: “Il Tao che può essere detto non è l’eterno Tao“. Il Tao è il Pieno ed è anche il Vuoto, non può essere visto ma risplende attraverso ciò che è, è tranquillo ma è anche la sorgente di infinita attività, è il supremo paradosso, la Verità infinita che non può essere proferita. Non si può raggiungerlo con il ragionamento, con lo studio, con l’azione.

Teh come Tao non può essere tradotta da un singolo termine.
Se Tao è il Supremo Ultimo, l’Assoluto Immanifesto, il Teh è la manifestazione del Tao, l’espressione universale di Unità.
Se Tao è l’Ideale, il tutto creativo, il Teh è l’attualizzazione del Tao, il processo del mondo oggettivo, la potenzialità attiva, il possibile, la spiegazione del Tao. Se Tao è la provvidenza divina, la Via dell’Universo, l’elargitore di Grazia allora il Teh è l’eccellenza più alta, la Grazia, la virtù, l’equilibrio del Tao reso manifesto.
Se Tao è il Fine supremo, il Teh è la Radice è la realizzazione del Tao, il fiore del Tao, l’ordine Universale, la realizzazione del Sè interiore.

Osserviamo questi versi: parlano della saggezza, dell’innocenza. Rifiutano la malizia, l’arrivismo, l’avidità. Solo purificando i propri desideri si riesce a calmare la mente ed a limitare il proprio ego. Cos’è il non agire? E’ l’arresa, semplicemente compiere ogni propria azione distaccandosi dai risultati.

Questa è la via, questo è TEH.

Ti è piaciuto l’articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!Puoi votare le notizie anche in questa pagina.

5 pensieri su “Meditando con Lao Tzu 1/8

  1. PRATICANDO IL NON AGIRE, TUTTO SI ORDINA DA Sè.
    AGIRE DISTACCANDOSI DAI RISULTATI… difficile o semplice??!!
    è ciò che serve a noi dell’ Occidente sempre in corsa e competitivi!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...